sdoppiamento


Di nuovo alla consolle. Anche stasera
mi sono inabissato nella nebbia
confidando nel radar prodigioso
del coraggioso, eccellente pilota
che mi riporta a casa (quello strano
famiglio inespressivo ed efficiente
che accese poi il pc e come niente
rispose a quindici e-mail spiritose
e con la stessa solerzia ora scrive
cose che chiamerei soltanto versi
e che mai scriverei, se mai scrivessi,
se non fossi annebbiato, sonnacchioso
e – dice sospirando – un po’ depresso).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *