riordino

Quanto tempo e fatica ci vorrà
per arieggiare e rassettare infine
questo buio abituro in cui ristagna
il sentore del sonno. Da decenni
mi dico che sarebbe un nuovo inizio,
una svolta più ardua di un trasloco,
di un divorzio, di un trasferimento
all’estero, riuscire una mattina
a spalancare porte e finestre
come quando si abbattono tramezzi
si incalcinano i muri, si restaura,
e cominciare a togliermi di torno
tutto questo ciarpame.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *