Sono apatico, ingrasso. Ho sempre sonno,
non c’è libro che non mi sia letargico.
Mi duole ogni giorno qualcosa, ed è una scusa
per non fare, non scrivere, ignorare
le piccole scadenze micidiali
che aumentano giorno dopo giorno
il debito e maturano il protesto
dell’inesorabile cambiale.

Somatizzo non so che cosa.
Forse la campagna elettorale.
Digerisco male, ho un peso
all’epigastrio, dove fanno grumo
aspirazioni, amori – ideali, forse.
Ah, l’orribile faccia inceronata
del Malefico Ipocrita che ammicca
come Riccardo Terzo (“fu mai
una donna sedotta
in tale condizione?”).

Se avessi soldi, giuro, me ne andrei
in una beauty farm, a dormire
nel morbido letto di fango
di una stazione termale,
in un denso Lete di vapori
sulfurei. Non sopravviverò
fino all’election day.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *