Canzoni napoletane per Nausicaa

Confesso che non m’importa un picchio dei blog, di questo blog, di quanti si compiacciono di leggerlo e postare messaggi e linkarmi e quant’altro. Da ragazzo sognavo di fare il marinaio, ma non era così, non era qui che volevo navigare.
Il mio unico intento (lo confesso) è lanciare messaggi in bottiglia, sperando che LEI stia navigando per caso in questa piccola baia e li raccolga. Di una sola e improbabile lettrice m’importa: LEI.
Mi stramaledico. Sono stato io a insegnarle come si fa a cestinare la posta indesiderata senza neppure leggerla. Le ho insegnato io a usare Outlook e IE, io le ho regalato il suo primo computer… Non lo avessi mai fatto! Ora lei non sa più che farsene di me. Se le telefono, il mio nome (Argo) appare sul display e lei spegne il telefono. Il suo postino obbedisce alla consegna di buttate le mie lettere direttamente nel cassonetto antistante casa sua. Lei ha staccato, disinstallato, disabilitato ogni campanello, gate, suoneria personalizzata e canale che mi consentisse di annunciarmi, di comunicare con lei. Avevo fatto in modo che il suo pc avesse un IP statico, ma non riesco più a pingarla. E quanto vorrei pingarla! Adesso lei è più brava di me in queste cose: riesce a sventare ogni mio attacco. Chissà che firewall, che muraglia, che scudo la protegge dai miei amorosi assalti!
Dite che sto andando fuori tema? Che m’ero ripromesso di discettare unicamente dell’interfaccia? Vi sbagliate: è proprio dell’interfaccia che sto parlando. Era lei l’interfaccia della mia anima, i gangli di contatto tra la mia anima e i misteri del cosmo. E l’interfaccia friendly di Windows l’ha stregata, me l’ha portata via. Odio quelle toolbar, quel cruscotto, quella cabina di comando, quel mouse wireless che trasuda luce come un’astronave giocattolo, quello schermo piatto da 17 pollici che è diventato tutto il suo mondo. Adesso non le manca nulla. Ha stoccato sulla scrivania e nei cassetti tecnologia e viveri liofilizzati per almeno dieci anni, dimentica della mia zuppa di pesce. Forse si è dotata persino di attrezzatura cybersex, casco e glove compresi (su quei capelli! Su quella manina delicata!).
Questo blog è la mia ultima speranza, l’ultima spiaggia. Poi non mi resterà altro da fare che imbarcarmi alla volta di Tunisi, e da lì raggiungere El Sabria… Ci sarà ancora una guarnigione della legione straniera, là nel deserto?

(spudoratamente tuo)

(messaggio per Francia: ti scriverò domani. Adesso devo liberarmi di questi versi. Li butto in mare.)

Il gioco dell’eco

Poi nel gioco dell’eco
tu diventavi me. Persino i baffi,
il comico pathos, il sussiego.

Burattino, specchio dispettoso,
ripetevi i sospiri, le pause,
le più ingiuriose asserzioni,
in prima e in seconda persona.

“Io sono pazza…”
“Io sono pazza…”
“Tu sei il mio amore…”
“…il mio amore…” ma qui
tua era la voce, tua
l’esitazione.

E così mi dicevi di noi due,
di quella vicinanza, simmetria
e infinita distanza.

Era questo il modo perfetto
di dire dell’amore e contraddire.

E ogni parola pronunciata
era subito rima baciata.

Songs for you

Ma l’amore no,
l’amore mio non può
dissolversi con l’oro dei capelli.
(canzone degli anni 40)

Lulù dagli occhi blu
(anni 30?)

Tu dicevi canali, io stazioni.
Tu hai sempre abitato a Venezia,
io un po’ dappertutto.

Ti piaceva la radio,
quasi quanto la televisione.
Songs for you…Ti penso, oggi.
E canzone non c’è che non sia triste,
in tutte le frequenze.

I know what I likeWay to go…
Struggomi per… (Donizzetti)…
La mauvaise herbe… ma l’amore no,
non può. E poi le rose…

Era de maggio, e la canzone è dolce,
antica. Poi l’altra, che fa
mai più ti rivedrò – però il tuo sguardo
mi appartiene, e non è poca cosa.

I tuoi occhi non erano blu,
ma color vino limpido, nocciola
come fiori di belladonna.
Il sole fondeva in loro
oro, ametista, cristalli…

E io posso indossarli come occhiali,
quei gioielli, e così somigliarti.
Dai tuoi occhi guardare, come te
dileggiare l’amore
e non cessare d’amarti.

Se

Se cambiasse! Non solo il racconto
ma il tono e il destino persino
di questi versi!

Non saresti più tu, non sarei io.
Ed ecco, potrei ridere
di quel tale che ho visto ieri sera,
nello specchio – Chi era,
con quella bocca scempia
schiumante dentifricio
e quelle occhiaie? Pierrot? Nosferatu?
Confesso che davvero ho detto: addio.
Col dito puntato alla tempia.

E se lo avessi fatto? Poi ho scritto
una strofa inconclusa, che non era
questa, perché poi riscrivo,
ci ripenso, rivivo. Ma se…

Se fosse! Se tu volessi
che fossimo altri attori
in altri luoghi e contesti,
saremmo così tristi?

Se una volta sola tu,
dolce livida strega
che tormenta gli specchi, ti vestissi
(non dico nell’esercizio del tuo ufficio,
ma in vacanza, il giovedì grasso)
da fata turchina popputa,
da Biancaneve coi capelli rossi!

Se io unissi quei graziosi nei
che hai sul pancino riluttante
con dei tratti di penna: dimmi,
che costellazione disegnerei?

Ma tu non vorrai mai dissomigliare
alla sdegnosa maschera che sei.
E ora è questa la musa sgarbata
che governa i miei versi.

Così mi ami tu, così ti amo.
Così il dio si rivela e si nasconde.
Ogni legno ha la sua deformità.
Eppure, che fiori delicati!
Che festa d’uccelli tra le fronde!

Ha un suo costume ogni pena
e ogni amante si macera e avvilisce
secondo un suo criterio.
OK, fammi soffrire.
Prendiamoci sul serio.

Nausicaa
 
Arriva tu stavolta, approda, torna,
Nausica dalle bianche cosce.
Vieni senza annunciarti, non sobbalzi
a trilli e squilli e marcette
il cuore imbambolato: agli albanesi
e a te, randagia, è aperta la mia porta.

Difatti mon chiudo a chiave,
e ti ho insegnato il trucco per entrare,
oltre a darti un pretesto per andartene.

Nulla può essermi rubato
se non il ricordo di te.
I miei gioielli sono le tue pantofole.
Non attendo nessuno, fuorché te.

Entra e siediti, o aspettami nel letto.
Se sarò partito per un po’,
non potrò non tornare in questo loculo,
l’unico luogo che di me tu sai.

Tante ne ho viste di isole,
ma in te sola fu il mio naufragio.
Voglio accarezzarti senza fine
come il racconto dell’attesa.

E fino al tuo ritorno non avrò
altro da raccontare e ricordare.
Ogni memoria tornerà con te.
E per ogni neo che hai sul ventre
io ti darò un bacio (quanti nei!)
e ti racconterò una nuova storia.

Perché niente di nuovo apparirà
al tuo orizzonte deserto
se non in forma di nuove parole.

Al loro vento salpano gli scogli,
isola, principessa. Il loro senso
è tutto ciò che all’isola mancava.

 

25 commenti su “

  1. se la luna è visualizzato sotto il testo dipende dalla risoluzione del tuo schermo, il blog è ok per risoluzioni da 1280 x 1024 pixel. Se proprio non riesci puoi evidenziare il testo per leggerlo, quanto al sembra interessante non so, per quanto mi riguarda è una delle poche cose preziose che ho.

  2. Ma il commento che hai lasciato era un complimetno o un’offesa? E’ che abbiamo un vocabolario talmente ristretto che noi i post ce li facciamo scrivere da Biscardi. Comunque sa di novità anche il tuo, di blog. Più scarno del nostro, non si era mai visto.

  3. a l’amore che cos’è
    trallarallero trallarallè.
    senza offesa, non me ne intendo ma le poesie mi sembrano un po’ abbastanza belle belle, diciamo.

  4. concordo in pieno con quello che ha scritto verlassen. La scrittura può essere un aiuto incredibile, ma lo è soprattutto per noi stessi. E’ solo il tempo e il caso a modificare le situazioni, ma vedrai che il sorriso è sempre dietro l’angolo :-)

  5. Ping è un comando di monitoraggio dato da una finestra dos (o sua emulazione). Invia dei pacchetti a un pc di cui si conosce l’IP per testare se quel pc è raggiungibile e restituisce il tempo impiegato a “contattarlo” espresso in millisecondi. Un po’ spoetizzante, no?
    pingare è gergo informatico. Un computer che non può essere pingato, non può essere raggiunto. Poi c’è Pinciare, dialettismo veneto (forse della zona di Chioggia (io sono siciliano)) vuol dire… Ehmm… pinciare, no?

  6. Invece, Gio, scusa se te lo dico, ma questo post mi ha delusa. Mi sei sembrato Francesca Mazzuccato, che nel suo Diario di una blogger racconta di aver aperto un blog per ritrovare il suo amore francese, Francis. E, come da copione, alla fine lo ritrova, ma con una banalità da farti cascare le braccia.
    Tu l’hai detto meglio, ma mi hai fatto pensare a lei.
    Ti prego: NO!… Quel libro mi ha delusa, mi è sembrato una furbizia commerciale di cattivo gusto. Per fortuna era un prestito di una biblioteca…
    Perdonami la brutale sincerità. Non ti voglio ferire. Ma non potevo fingere.
    Insultami, se vuoi. Io ti abbraccio.

  7. Dolcemente straziante, Giovanni. E poi ti fai capire. Anche uno straniero come me capisce tutto.
    Complimenti.
    Markelo.
    P.s.: la Mazzuccato? Chi era Costei? Carneatina da Stile Libero?
    Giovanni è un vero romantisch.

  8. @Marifra & @pennastilo: Beh, mi avete preso troppo sul serio, mentre io mi sforzo di non prendermi troppo sul serio.
    @Uffenwanken: straziato non lo sono più. Non come prima, almeno. Quando lo ero non scrivevo.
    Per @lunadigiorno e @incursione: La scrittura aiuta fino a un certo punto. L’amore è una cosa, la scrittura un’altra. La scrittura è un gioco che si gioca sulla pagina, e le sue regole non hanno molto a che vedere con quelle di altri giochi (V. Magrelli).

    Anima mia è la mia anima (vedi il saggio “Altra ego” di Iosif Brodskij in “Profilo di Clio”.
    L’amata, infine, è sempre la propria musa: “la musa sgarbata/che governa i miei versi” (mi auto-[ec]cito).
    Ok, vedrò di scherzare un po’ di meno con le cose serie.

  9. Ehi! Sono tra quelli che hanno risposto senza prendere il tutto sul serio… anzi! Non si capiva? Se pensassi seriamente ciò che ho scritto non credi che non avrei proprio commentato? O pensi davvero che non ho letto il post, caro disperatamente suo?! Ciao ciao con la manina…

  10. Il tuo post è interessante… soprattutto le poesie.

    Il libro che cito si chiama : Mitologia degli alberi, dal giardino dell’Eden al legno della Croce di Jacques Brosse ed. Bur (purtroppo i libri economici sono, spesso, tradotti male… purtroppo!). Anyanka

  11. Due cose.
    La prima: non è vero che le poesie non aiutano a riconquistare. Anche se, ovviamente, l’evenienza è un accadimento assolutamente incidentale rispetto alla genesi delle stesse.
    La seconda: hai ricevuto la mia mail?

    P.

  12. beh non resta che augurarti una buona fortuna.. per il tuo ‘ripescaggio’..
    i versi sono commoventi ma e’ come se tutto fosse pervaso da una forte ironia.. che ti salva.. piu’ della tua navigatrice novella.. (alle volte.. i trucchi del mestiere.. e’ bene non svelarli )

  13. Dal come ‘maneggi’ questo blog e da quel che posti non mi pare che tu lo stia prendendo di sottogamba. Vale, cmq, che ogni blog è bottiglia e messaggio. Un saluto.

  14. Hai ragione, gianruggero. Faccio finta di prenderlo sottogamba. Non sembra, ma sono una persona seria. Snobbo i blog perchè sono uno snob. grazie, cmq… cmq?? ah, come negli sms.

    Per la mia adorata P. Il tuo commento è davvero acuto. Posso rivelare il tuo vero nome? Lo farò nel prossimo post.

    @swandive alias pecoranera alias … Mi piacerebbe conoscere almeno il tuo nome di battesimo. In realtà c’è un trucco nello svelamento del tucco, e questo trucco non sarà rivelato.

  15. Guarda che non abbiamo litigato, pennastilo. Sei sempre nel mio cuore e frequenterò sempre il tuo salotto letterario, sempre, finchè un crash del server non ci separi.
    C’è della tenerezza in ciò che scrivi. E un amore autentico per i libri e la scrittura. Io nei blog cerco dei lettori, più che degli scrittori (non lettori delle stupidaggini che scrivo io).
    Ma non firmarti P, altrimenti ti confondo con quell’altra. Potrei sapere qual’è il tuo nome? Forse l’ho già letto in qualche post o commento, ma non me lo ricordo.

  16. .. oddio.. la cosa comincia a diventare complicata.. il trucco del trucco.. qua si fa del meta-mistero.. mi sento in un’opera di scuotilancia..
    cmq sia.. il mio nome di battesimo e’ giowanna..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *