Piatti da lavare
Di nuovo deserto e soqquadro
nella mia casa. E il silenzio
delle macerie dopo l’uragano.
Né musica, né voci, né più
il trillo del telefono.

Non potrò mai cancellare
i segni del tuo passaggio.
Angelo, chi era di noi due
l’angelo, e chi Giacobbe?

Angelo sterminatore, non sei altro
che una piccola, piccola ragazza.
Sarebbe bastato cedere, dolcemente
rifugiarmi nel cavo della tua ala.
Ma era già iniziata la mia lotta,
prima che c’incontrassimo.

Ero io Giacobbe, e io l’angelo
che lottava con te (stupefacente
l’angelo nell’incisione di Doré:
un po’ ti somiglia, persino).

 

Lotta

Chi era il bersaglio? Contro chi scagliava
all’improvviso lacrime furenti
il tuo amabile sguardo? Chi
ti minacciava, se così lottavi
col mio abbraccio sgomento
e dall’esile gola prorompeva
l’orribile anatema?
Contro chi agitavi le braccia
nella scomposta scherma? Era un mostro
malvagio in cui si trasfiguravano
sembianze finora benigne? L’idra di Lerna
che con nove fauci ti mordeva?
Era un solo nemico? Erano tanti?
Era solo il mio amore? O un’antica,
torva schiera di amanti?

8 commenti su “

  1. Sorpresa della mattina quest’incisione, bellissima, e le due poesie che non so subito definire “belle”, perché tale aggettivo mi appare inadeguato con ciò che prima di tutto mi colpisce leggendole: il dolore. Eppure tentano alla rilettura, s’insinuano, come sempre le tue, nell’immaginazione, danno pensieri. Fanno ciò che fa la poesia – e perciò sono appunto BELLE.

  2. Le tue poesie mi hanno lasciato un po’ d’amaro dentro: ma è proprio così difficile amarsi, non si può proprio uscire dall’odi et amo, non ci può essere pace? Non mi vengono altri commenti, mi viene da abbracciarti forte, anzi fortissimo.
    bertolina

  3. Che dire. Mi piace. Ma, sei innamorato?;)

    Per quanto riguarda la tua idea… non ti preoccupare non mordo. Puoi spedirmi quello che vuoi, cercherò di essere obbiettiva. Un bacio

  4. Ringrazio per la solidarietà, ma queste poesie non sono recentissime. Il lutto dovrebbe essere stato elaborato.
    Più che altro volevo capire, a freddo, se i testi vanno salvati o no.
    Il tema della lotta con l’angelo, riferito a quella situazione, mi sembrava – allora – una novità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *