AR TELEFONO (POESIA IN ROMANESCO ORECCHIATO)

(Cari amici, mi sun de Milàn – giammai del Milan!- però un quattro anni fa m’è venuto il raptus di scrivere qualche poesia in romanesco orecchiato . Questa non è mai uscita dal mio computer, è proprio inedita. I romani eventualmente in linea, se vogliono, possono correggere gli inevitabili strafalcioni. Un caro saluto a tutti da Franz/Markelo!) 

AR TELEFONO

L’antro ier sera quanno tramontava

e er chiaro de la sera se scioglieva

e faceva la notte ner baleno

d’una romana e dorce tiritera

me sò fatto coraggio e t’ho chiamata

ar telefono amico dei codardi.

 

Senza che tu vedessi la mia faccia

pregna de stordimento e in più d’ambascia

t’ho detto che partivo un po’ più tardi

senza famme capì co li miei sguardi.

Nun hai fatto la piega né un sospiro

m’hai detto ch’eri invero si contenta

ma co la voce che drento ar respiro

procedeva annoiata e pure lenta.

 

“Allora che voi fa, voi venì qui?”

m’hai domannato un po’ pè fare fiato

un po’ pè famme credere de si

che davero volessi famme grato.

Era dorce e cattiva ner contempo

quella tua frase detta circospetta

me faceva capì ch’era ormai tempo

de vortammese er core a chi l’aspetta.

 

“No, nun te preoccupà, c’ho un po’ da fare”

t’ho dato pè risposta questo motto

“nun m’aspettà, e svagate un pochino, fatte trovà da l’amicucce care”.

Io volevo venì, tutto d’un botto

pè famme amare come so partito

come a li tempi belli der trasporto

quanno rispetto a oggi era invertito

questo rapporto nostro ar suo traguardo;

quanno m’amavi tu cor solo sguardo

che te scoccavo quanno t’abbracciavo

te intorcinavo tutta de passione

te facevo smanià la convulsione

come ar montaggio de la majonese

ner novero dei piatti alla francese:

e più m’amavi più me te negavo.

 

Ora, co sto bruciore ar core de lo stommaco

m’intorcino er cervello e le budella

co l’interiora ar posto de la mente

e ar posto der cor tuo la coratella.

Me consolo magnando, svaporando de bianco imbecillente

cor bianco der lenzolo pè sudario

e a fine pasto diggerisco gnente.

 

Ripenso a li bei tempi ora in carcassa

a quanno me chiedevi “voi venì?”

cor core in tal tumulto che la Sip

ce faceva pagà la soprattassa.

E quella sera stessa, attaccàti l’un l’altro come fronde

me davi in pasto core e pure sesso

movendo ner mio corpo mille onde.

 

Ma se ho ben donde de parlà de onde

è perché de ‘ste cose sono esperto:

si, l’onde der mare solo e sempre a luglio

e l’onde radio pè captà li mejo;

ma l’onde der telefono conosco

mejo der tipo losco le sue tasche:

perché quell’onde lì sono un po’ strane

te bucano er cervello cò l’impulsi

de piagne solo le tue gocce vane

pè finì dritto ar giro de l’insulsi.

 

Ora la storia bella s’è invortata

come ar tegame er fritto de frittata;

quello che soffre adesso è il qua presente

che appende la cornetta e in più se pente

persino per averte disturbata.

12 commenti su “AR TELEFONO (POESIA IN ROMANESCO ORECCHIATO)

  1. Che piacere, Franz, leggere questo tuo romanzopopolare in simil-romanesco in versi e pronunciarselo mentalmente in approssimativo accento!

  2. Non finisci mai di stupirmi, Franz. Sei italiano solo per metà e scrivi in romanesco mejo der Belli (esagero?). E quasi tutti i versi sono dei buoni endecasillabi. Potremmo sottoporla a Pamela Canali, romana doc (ma solo per l’ortografia). Domani potrei anche incontrarla. Sennò le scriviamo.

  3. Oso proporre, nella seconda strofa, al posto di “Nun hai fatto la piega né un sospiro”
    Nun hai fatto na piega né un sospiro.

    A orecchio, naturalmente;-)

  4. Aòòòòò, anvedi Markelo!!!
    No, no… non sono romana. Sugnu calavrisa ma ho un nipotino romano che ha appena otto mesi però, della serie prevenire è meglio che curare, ho iniziato a fare pratica in attesa delle sue prime paroline :)))

    Complimenti! La poesia è musicale e molto bella, ci sono alcune frasi che esprimono, con una sintesi delicata ma incisiva, concetti che potrebbero essere discussi per ore ed ore.
    me sò fatto coraggio e t’ho chiamata ar telefono amico dei codardi… Meraviglioso!!!

    Penso che vada inserito qualche accento e qualche apostrofo, condivido ciò che ha scritto arden circa quel “la” che sostituirei con ‘na e, per finire, al posto di “ora” metterei mo.

  5. a’ Marké, e chi l’avesse mai detto che te facevi poeta in ottave e puro rimate! Quella donna t’ha proprio messo in riga (e in rima)!
    Buon per noi che er duro markelo c’ha un core, perchè me so addivertita morto (sic!) ner leggere ‘sti lamenti: ricordate che in amore vale la legge del contrabbasso (dantesca): se fai soffrì, prima o poi resti anche tu soffritto.

  6. Arden, perchè mi sono soffermato anch’io su quel la? io trovo un po’ noioso “na… né…”
    Io lo avrei approvato il erore.
    Markelo, la composizione è molto bella, particolarmente vera, ho rivisto Manfredi diretto da De Sica, vivi.

    “cor core in tal tumulto che la Sip
    ce faceva pagà la soprattassa.”
    E’ sublime, se non avessi un cuore di pietra avrei pianto.

  7. Ahò, amicibbelli, ve ringrazio. Ce metto li cambiamenti, me sembreno ggiusti, anche se de romani nisba… In effetti pensavo ar cinema, quanno l’ho scritta. Manfredi sarebbe perfetto, pe’ recitalla. Si fusse che fusse vivo, naturalmente!;-)
    Ve mando n’abbraccio grande grande come tutto er core de Roma!

  8. ‘a Giova’, stasera ‘n ce sto. C’ho ‘na mezza pormonite e ne ne stò sotto ‘e pezze. Dijelo puro a Mauro, si riesco a ritrovà er nummero ‘o chiamo. Mo faccio ‘n appello: si a quarcheduno je cresce ‘na borza d’acqua calla o magara ‘na flebo, in cambio offro antibbiotichi e Cebbion.
    Ahò, Uffenwa’, bella ‘sta poesia!
    Pamela Canali

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *