‘U re dî dilinquenti

‘U mascaruni untatu di pumata
chi mascariau a tutti l’Italiani,
‘u bajasciuni cu ‘a facci pittata
cu li so cammareri e ‘i so buttani;

‘u dilinquenti re dî dilinquenti
chi si fici li liggi a so misura,
chi s’accattau ntrammi i parramenti
ppi fàrini ‘a so greja e ‘a so pastura,

rici chi ‘un si nni va, chi lu so regnu
av’a essiri eternu comu ad iddu,
ca jè la so missioni e lu so mpegnu

nfilari nti l’augghia lu camiddu;
ca li sordi hannu aviri chistu ncegnu:
di ncuddari ‘a curuna ô chirchiriddu.

3 commenti su “‘U re dî dilinquenti

  1. Il mascherone unto e impiastricciato
    che ha inzaccherato tutti gli italiani,
    il bagascione dal viso truccato
    con i suoi servi e con le sue puttane,

    il delinquente re dei delinquenti
    che si fece le leggi su misura,
    che si comprò entrambi i parlamenti
    e ne fece suo gregge e sua pastura,

    dice che non sloggia, che il suo regno
    deve essere eterno come è ello,
    ch’è sua missione, suo precipuo impegno

    di far nell’ago passare il cammello;
    che i soldi hanno d’avere l’ingegno
    d’incollar la corona al cucuzzello.

    • Nun vogghiu ca pari ca ni facemmu i cumplimenti l’unu cu l’avutru, ma sta traruzzioni vinni megghiu di l’origginali. Puru cu ”a rima o postu giustu, e tutti ‘i versi d’unnici sillabi!

      • Dai ! è facile fare i versi giusti quando c’è la traccia pronta – e una certa consonanza di sentimento:-)))

        ( e ora non posso nemmeno dirti quanto è bello l’originale perché la cosa si fa stucchevole…)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *