Sono apatico, ingrasso. Ho sempre sonno,
non c’è libro che non mi sia letargico.
Mi duole ogni giorno qualcosa, ed è una scusa
per non fare, non scrivere, ignorare
le piccole scadenze micidiali
che aumentano giorno dopo giorno
il debito e maturano il protesto
dell’inesorabile cambiale.

Somatizzo non so che cosa.
Forse la campagna elettorale.
Digerisco male, ho un peso
all’epigastrio, dove fanno grumo
aspirazioni, amori – ideali, forse.
Ah, l’orribile faccia inceronata
del Malefico Ipocrita che ammicca
come Riccardo Terzo (“fu mai
una donna sedotta
in tale condizione?”).

Se avessi soldi, giuro, me ne andrei
in una beauty farm, a dormire
nel morbido letto di fango
di una stazione termale,
in un denso Lete di vapori
sulfurei. Non sopravviverò
fino all’election day.

si parlava di alberi, io e Anna


L’abete, quel povero albero
che dicono abete di Natale,
mette una tale tristezza, e lui stesso
pare così infelice,
se il giardiniere ne piantò uno solo.
L’infelicità puoi riconoscerla
in un vegetale, in un cane
come in una cassiera.
Io la riconosco anche in un sasso.
Ne ho, per dire, qualche cognizione.

Nasce così, già sbocciato,
l’abete: è un pino estroverso
per habitus e conformazione.
E’ tutto un dispiegare di grandi ali,
proteso ai voli, estroflesso,
disarmato: l’abete
è un richiamo, l’attesa di un abbraccio.

Spampàna fiducioso le sue fronde
a quel che viene, al sole e alle intemperie.
Come le creature umili, è sensibile,
socievole. L’abete
è fatto per insinuare i rami tra i rami
di un abete sodale, vuole almeno
un compagno della sue specie.
Ma si contenta di una compagnia
arborea purchessia.

Niente è più compassionevole
di un abete solo
in mezzo alla campagna – o come quello
che reclina la cima, muto, croce
di se stesso, davanti al mio poggiolo.