Lingua di marinaru

Di  stu paisi novu unni è stranera,
chista lingua vulissi numinari
cosi chi nun canusci e ‘un ci rinesci;
e ‘a lingua dî straneri ‘un sa parrari
di l’atru me paisi, di com’era.

Ê tempi so’, di chista vuci strana,
c’eranu cosi chi ora e ccà ‘un ci sunu.
Puru si dicu suli e dicu pani
nun sunu ‘u stissu pani, ‘u stissu suli;
ma ‘un è un fattu di luci o di sapuri.

Si fussi sulu ca ‘u munnu cangiau,
‘un mi sintissi straviatizzu e mutu
di ccà e di ddà, ma mi facissi un ponti
di cunti e poisii di dui maneri,
ppi jungiri sti dui mei cuntinenti;

Ma ‘u fattu è ca ristai menzu a lu mari,    
partiu e ‘un arrivai a nudda banna.
Sugnu tirranu, ‘un sacciu navicari.
Firriu avanti e arreri cu li venti
e taliu di luntanu li dui munni.

Chista lingua ca parru ci assimigghia
a chidda di me patri, ma ‘un è idda.
‘A parra ‘u cori, ‘a lingua si mpidugghia,
sacciu megghiu a parrata ‘i marinari.
Ma sta vitazza, a cu’ l’haiu a cuntari?

Sti cusuzzi chi scrivu si nni vannu,
mi pari, puru iddi alla stranìa,
comu sfasciumi e scuma supra l’unni.
N’haiu quasi vrigogna si, ppi casu,
na varca si ci ncugna o li canzìa.