Nomi ncapu ô marmuru

Me matri dici chi voli scrivìri
‘u nomu miu e chiddi di me’ soru
ncapu a lu “munumentu”, voli diri
‘a tomba di famigghia. Accussì ô tempu
chi voli Diu, a centuquinnci anni,
basta juncìrici ‘a data di morti,
e ‘a nascita si po’ scrivìri già.
‘U largu c’è, mi dici, e lu cuperchiu
fu fattu ccu abbunnanza e maistria;
nsumma avissi piaciri, di ddassusu,
di sapiri ca tutti li me’ figghi
spirduti e sparpagghiati munni munni
s’arricuggheru e ristaru ccu mia.

È ‘na bona pinsata, dicu iu,
e capisciu ca chista to manòpira
‘un è malaguriusa comu pari.
È pr’amuri ca tu li figghi toi
Ii voi vicini e nun arrisicari
ca su’ luntani ppi l’etirnità.
Ma chi bisognu c’è di prinutari
‘u locu miu e scrivìri, si già sacciu
chi dda rintra mi vogghiu arrizzittari?
Sparti c’è già lu nomu ncapu û marmuru:
nomu e cugnomu, ‘i stissi di me nannu.
E si nasciu e morsi nnô sissanta
o l’atrannu o dumani, toccu ferru,
cu si nni futti dopu ‘n paru d’anni?