Approccio semeiotico

Dimentico le cose che mi dici,
è vero, non ricordo
cosa farai domani e posdomani.
È che mi dici troppe cose, cara,
e io, più che alle agende, pongo attenzione
alle parole che siano indizio
di qualcosa che possa dirsi amore,
o almeno delle tue odierne intenzioni.

È che siamo entrambi ipocondriaci
e parliamo troppo di malanni,
dei nostri organi interni sofferenti,
dei valori sballati – e del malore
che ti coglie proprio ora, mentre io
ti vorrei sbottonare la vestaglia,
auscultare le tette,
cercarti il cuore in mezzo alle frattaglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *