A turtura nnamurata

Avi dui suli noti
‘a turtura, e ‘i ripeti
di l’arba finu a sira.
Ci ni voli pacenza!
E sapi fari un versu
di dui sillabi e menza,
esattu com’ô pennulu
di lu riloggiu, e sparti
sempri a rima vasata.

Rici chi ‘un è sugghiuzzu
di chiantu, ‘un è lamentu
lastimusu, ma è un chiamu
d’amuri, è sirinata.
Acedda fantasiusa,
maliditta aciddazza!
Pari chi ci esci l’arma
ripitennuci iu t’aaaa-mu
finu a l’urtimu ciatu.
Si ‘un fussi chi odiu a caccia,
iu ci sparassi, ad idda
e a tutti i nnamurati.

4 commenti su “A turtura nnamurata

  1. (Nuova versione)

    Soltanto due note sa
    la tortora, e le rifà
    dall’alba fino a sera.
    Ce ne vuole pazienza!
    Sa modulare un verso
    di due sillabe e mezza,
    esatto come il pendolo
    d’un orologio, e pure
    sempre a rima baciata.

    Non è, dice, singhiozzo
    di pianto, né lamento
    d’afflizione: è un richiamo
    d’amore, è serenata.
    Uccella strampalata,
    maledetta uccellaccia!
    Canta, le esce l’anima
    ripetendo Tu e amo -tuu
    fino all’ultimo fiato.
    Non odiassi la caccia
    io l’impallinerei, lei
    e le altre innamorate.

  2. Mascula è a torturedda chi canta. A fimmina u scuta e ‘ncorchi vota si lassa cumminciri, ‘un si sapi si picchì lu voli fari taciri, o picchì ci piaci o macari ci pari c’havi ciatu e bona saluti e po essiri c’arrinesci patri ‘i figghi masculi.

    Mi pirdunassi, cumpà, sta lingua bastarda. Nsaju, ma ‘un è facili…
    (Complimenti, amico: sempre meglio)

  3. Cumpà, ppa lingua poi dumannari na consulenza â mia traruttrici. Ma a mia chiddu ca tu scrivi mi pari asattu. ‘Ncapu ô sessu da turtura secunnu mia ti sbagghi. Na fimminia ha da essiri chidda chi fa ddu chiamu fastidiusu.
    Grazi assai du cumplimentu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *