La falena

Da noi la credono cieca e portafortuna,
altrove il fantasma inquieto
di un trapassato, un lare esiliato.
E’ cieco, è riuscito a entrare
e non trova il varco per uscire.

Promettimi che quando morirò
accenderai tutte le luci,
perché io non sbagli casa
come le altre falene.
Sono miope, specie di sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *